• sidda disinfestazione

  • sidda disinfestazione

  • sidda disinfestazione

  • sidda disinfestazione

Quali rischi sanitari.....

disinfestazione firenze
disinfestazione firenze

L'ampia diffusione delle blatte negli ambienti antropizzati induce, talora, errati atteggiamenti di tolleranza nei confronti di questi insetti infestanti, contro i quali si interviene spesso soltanto quando la loro densità raggiunge livelli allarmanti. Questa sottovalutazione  dell'importanza sanitaria delle blatte trova, purtroppo, ospitalità anche presso i conduttori di strutture della filiera alimentare, spesso non disposti alla "tolleranza zero" verso le blatte.


Da tempo è stato scientificatamente dimostrato, con test di laboratorio e test di campo, che le blatte possono trasportare passivamente (vettori meccanici), sulla superficie esterna del corpo ed all'interno del canale alimentare, un elevato numero di specie di microrganismi patogeni, responsabili, ad esempio, di dissenterie batteriche, febbri tifoidi, borulismo, colera, poliomelite e forse di epatite. Questi insetti trasportano altresì uova di ELMINTI e protozoi altamente patogeni come l'AMEBA, la GIARDA ed il TOXOPLASMA.

Per il VIBRIO COMMA, responsabile del colera e numerose specie di salmonella, responsabili di tifo e paratifo, le blatte sembrano avere un ruolo di vettore attivo, disponibile cioè a consentire l'insediamento e la moltiplicazione di questi patogeni all'interno del loro corpo


Questi insetti hanno la caratteristica di rigurgitare parte del cibo assunto e di defecare durante il pasto, lordando e contaminando alimenti, stoviglie ed utensileria da cucina. Attraverso questo meccanismo di "contagio indiretto", gli agenti patogeni, veicolati dalle blatte possono raggiungere l'uomo e gli animali domestici. da qualche tempo si evidenzia, in modo sempre più accurato, l'importanza del ruolo delle blatte nell'insorgenza di patologie respiratorie di natura allergica, indotte da allergeni contenuti nella saliva, nelle deiezioni e nel corpo stesso delle blatte. Le particelle allergiche non possono raggiungere le parti più profonde dell'apparato respiratorio, inducendo quindi condizioni di iper-attività della mucosa bronchiale, invece di attacchi d'asma in senso stretto. Importanti infestazioni da "Blatella germanica" in ambienti di lavoro, sembrano responsabili di patologie respiratorie allergiche nei lavoratori, forse erroneamente attribuite ad un'allergia agli acari della polvere, a causa di reazioni crociate con gli allergeni delle blatte. Una corretta disinfestazione degli ambienti consente un immediato miglioramento delle patologie respiratorie

Share by: